Ricette Natale: il panettone gastronomico

2 settembre 2017

Il Santo Natale è alle porte ed è quindi tempo di pensare a completare quello che sarà il menù delle feste, ove tra antipasti, primi, secondi, contorni, sorbetto, frutta e dolci, si delizierà il palato dei propri cari. Menù ove ovviamente non potranno mancare i famosi piatti tipici delle feste, tra torrone, pandoro e panettone; panettone, che ovviamente sarà presenta anche nella sua versione salata, ossia il famoso panettone gastronomico, altrimenti detto, panettone salato farcito.

Il panettone gastronomico infatti è un ricco e colorato antipasto, in grado di soddisfare i gusti di tutti i presenti grazie ai suoi molteplici strati, arricchiti a piacere, secondo i propri gusti e la propria fantasia. Come? Andiamo a scoprirlo insieme, seguendo i vari passi della ricetta, a cominciare dagli ingredienti:

  • per la biga: 160 grammi di farina manitoba, 100 grammi di latte, 2 grammi di lievito di birra in polvere;
  • per l’impasto: 410 grammi di farina bianca 00, 120 grammi di latte, 80 grammi di margarina vegetale, 40 grammi di zucchero semolato, 1 uova intero più 1 tuorlo, 8 grammi di sale, 2 grammi di lievito di birra in polvere, 2 grammi di miele;
  • per la farcia: 1 scatola di tonno grande, 120 grammi di maionese, 12 pomodorini tipo ciliegino, 150 grammi di formaggio fresco spalmabile, 12 noci, 80 grammi di prosciutto cotto, sale e pepe.

Come preparare il panettone gastronomico:

  1. versare in una ciotola capiente la farina manitoba setacciata, quindi aggiungere il latte, il lievito ed impastare, fino ad ottenere un impasto non troppo liscio, che andrà avvolgo in una pellicola trasparente da cucina e lasciato riposare in frigorifero per circa 12 ore;
  2. trascorso il tempo di riposo, riprendere la biga, trasferirla in una planetaria ed aggiungere altri 2 grammi di lievito, 120 grammi di latte, il miele, lo zucchero e la farina setacciata, quindi impastare velocemente ed aggiungere le uova ed il sale, quindi impastare ancora fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico, al quale andrà aggiunta ancora la margarina ammorbidita, un pezzetto alla volta, ogni qual volta il pezzo è assorbito dall’impasto, fino ad ottenere un impasto lucido ed elastico;
  3. non resta che dare all’impasto la forma di una palla, coprire con la pellicola trasparente e porre a lievitare nel forno con la luce accesa per 4 ore;
  4. trascorso il tempo di lievitazione, mettere l’impasto su una spianatoia infarinata e con le mani, allargarlo tirando gli angoli, in modo da allungarlo, quindi arrotolare l’impasto premendo con i pollici sulla chiusura, portando gli angoli esterni al centro;
  5. mettere la palla ottenuta in uno stampo di carta per panettone da 1 kg e lasciar lievitare per 4 ore in forno spento con la luce accesa, sino a quando cioè, la calotta raggiungerà il bordo;
  6. non resta che spennellare la superficie con l’albume d’uovo e cuocere in forno ventilato caldo a 150°C, ponendolo nel ripiano basso del forno;
  7. terminata la cottura, fare la famosa prova dello stecchino, arrivando fino al centro, togliendolo solo se lo stecchino risulterà completamente asciutto;
  8. tolto dal forno, infilzare il panettone con l’apposito spillone, o con degli spiedi in acciaio, e farlo raffreddare capovolto, senza toccare la calotta, onde evitare che si sgonfi;
  9. procedere ora a tagliare il panettone a piacere a fette, considerando ad esempio 6 fette, per 3 diversi strati da farcire a piacere;
  10. mescolare quindi in una ciotola il tonno con la maionese, amalgamando per bene, quindi spalmarlo su una fetta, dopo di che aggiungere i pomodori ciliegino a fettine, aggiustare di sale a piacere, e chiudete con una fetta di panettone;
  11. aggiungere quindi una nuova fetta e spalmarla di formaggio fresco, sopra cui porre le noci sgusciate e pulite, e coprire con una nuova fetta;
  12. aggiungere ora un’altra fetta, sulla quale mettere abbondante maionese e prosciutto cotto a fette, quindi chiudere con un’altra fetta;
  13. a completamento del panettone gastronomico, non resta che infilzare gli spiedoni per fermarlo e tagliare in 4 o 6 parti, quindi servire in tavola: buon appetito!

Nessun commento

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi